Hyrje » Uncategorized » Conoscere lo stress – la patologia del secolo

Conoscere lo stress – la patologia del secolo

may31-2013-foto-stress-fatigueCos’è lo stress?

Lo stress è la risposta  di un organismo a degli stimoli fisici o psicologici disturbanti. L’organismo reagisce a queste sollecitazioni attraverso una serie di processi come ansia, battito cardiaco accelerato,  tensione muscolare e irritabilità.

Una condizione di stress prolungata sfortunatamente può  comportare numerose conseguenze negative sul nostro benessere. Diverse ricerche hanno infatti mostrato come lo stress provochi dei cambiamenti a lungo termine nella struttura fisica del cervello, sia negli animali sia negli esseri umani.

Bruce McEwen, un neuroscienziato della Rockefeller University di New York, afferma che lo stress è particolarmente preoccupante per i cervelli in crescita, poichè tendono ad essere programmati dalle esperienze stressanti. Lo stress nei primi anni di vita, anche nell’utero, può avere conseguenze indesiderate sul comportamento, sulla capacità di apprendimento e di regolazione delle emozioni.

“Una vita pacifica,  armoniosa e senza stress è la forma di esistenza più semplice.” N.V. Peale   Tweet
Quali sono gli effetti dello stress sul corpo?

Perdita di capelli
Tensione muscolare
Reazioni cutanee, dermatiti, eczema
Problemi di sonno
Problemi cardiaci
Difficoltà di concentrazione
Come avrai  potuto notare ce n’è abbastanza per decidere  di fare qualcosa subito per contrastare gli effetti nocivi dello stress.

Continuando la lettura di questo articolo scoprirai come:

Affrontare con calma e lucidità le situazioni più difficili
Migliorare  il tuo stato di benessere e salute
Sciogliere  nervosismi  e tensioni

Identificare le cause, il primo passo per sconfiggere lo stress.

Alcune cause dello stress sono ovvie: pressioni sul lavoro, problemi di coppia o difficoltà finanziarie. Ma anche i grattacapo e le seccature quotidiane, come mettere in ordine la casa, o avere l’agenda piena di impegni possono contribuire al tuo livello di stress quotidiano.

Inoltre, anche gli eventi positivi possono essere stressanti. Ad esempio, i preparativi per un matrimonio, iniziare un nuovo lavoro o comprare una casa nuova, magari tutti nello stesso periodo, possono dare una bella impennata al tuo livello di stress.  Anche se gli eventi negativi di solito sono più stressanti, assicurati quindi di valutare anche i cambiamenti positivi.

Le strategie da evitareSmile

Spesso per fronteggiare le situazioni stressanti  le persone adottano delle strategie non sane: fumare, bere alcol, shopping compulsivo, dipendenza da internet, procrastinazione, scaricare le proprie tensioni sugli altri. Nessuna di queste strategie è risolutiva ma riduce lo stress solo temporaneamente.

Come combattere lo stress quindi? Ecco le 4 strategie più efficaci.

L’organizzazione americana no-profit Mayo Clinic, che si occupa di ricerca medica, propone 4 efficaci strategie per combattere lo stress. Eccole:

“4 A”Per Dissolvere Lo Stress e Migliorare il Tuo Stato di Benessere

1)  A: Avoid. Evita lo stress in più.

Un sacco di stress inutili possono semplicemente essere evitati.  Potresti restare sorpreso di quanti possano essere gli stimoli stressanti che puoi scegliere di evitare nella tua vita quotidiana.

Impara a dire di “no” o a delegare. Non sei un supereroe e se ti sovraccarichi rischi di scoppiare, perciò rifiuta gentilmente degli impegni extra se sai che hai già troppe cose di cui occuparti.
Evita le persone che ti stressano. Se hai un collega che ti stressa, potresti mettere della distanza fisica tra voi due.  Siediti lontano alle riunioni o durante il pranzo, cerca dei momenti in cui poterti allontanare da lui per prendere una boccata d’aria Smile; questo mantenendo sempre correttezza e gentilezza.
Tieni monitorato il tuo ambiente. Se le notizie del tg della sera ti rendono ansioso, spegni la tv; se gli ingorghi del traffico ti stressano potresti optare per la bicicletta.
Riduci la lista delle cose da fare. Evita il sovraccarico e datti delle priorità.
Tieni sotto controllo i tuoi bottoni caldi. Se sai che ci sono alcuni argomenti su cui ti scaldi, cerca di evitare il più possibile quegli argomenti. Ad esempio, se sei religioso e con una persona ti scontri spesso perché è atea, centra la conversazione su qualche altro argomento.
2) A: Alter. Cambia la situazione.

Se non puoi evitare una situazione stressante prova a cambiarla. Pensa a  cosa puoi cambiare di questo problema perché non si ripresenti in futuro. Chiediti: cosa posso fare per migliorare la situazione?

Esprimi i tuoi sentimenti invece di reprimerli. Se qualcuno ti fa innervosire cerca di fargli notare con gentilezza ciò che ti da fastidio. Ignorare i sentimenti non li farà sparire ma darà modo al risentimento di svilupparsi.
Sii più assertivo. Non farti trascinare dagli altri  e anticipa i problemi. Ad esempio, invece di rimanere ad ascoltare un monologo non stop di un collega, inizia la conversazione anticipando gentilmente che hai solo 5 minuti di tempo perché poi dovrai portare a termine un lavoro importante.
Impara a gestire meglio il tuo tempo. Una cattiva gestione del tempo può causare un sacco di stress e portarti a procrastinare. Per imparare a pianificare e gestire meglio il tuo tempo leggi l’articolo sui  6 errori nella gestione del tempo, per farlo clicca  qui.
3)  A: Adapt. Adattati agli stimoli stressanti.

Se non puoi cambiare la situazione, cambia te stesso. In quei casi in cui la causa del tuo stress non può essere evitata o cambiata,  aumenta la tua tolleranza allo stimolo stressante.

Focalizzati sul positivo. Quando ti accorgi di essere in un momento di pessimismo leopardiano, prenditi un momento per riflettere su tutto ciò che c’è di positivo nella tua vita, incluse le tue qualità. Fai una lista dei motivi che hai per essere felice e tienilo come promemoria.
Guarda il quadro generale. Chiediti quanto sarà importante questo problema tra 1 mese? Tra 1 anno? Tra 10 anni?
Rivedi i tuoi standard. Il perfezionismo è una delle maggiori fonti di stress evitabili. Fissati degli standard ragionevoli per te stesso e per gli altri. È veramente indispensabile passare l’aspirapolvere due volte a settimana? Rivedi le tue manie di perfezionismo e potrai svolgere le tue attività con meno senso di colpa e frustrazione.
Cambia prospettiva. Osserva  le situazioni stressanti da una prospettiva più utile. Ad esempio quando ti trovi in mezzo al traffico prova a vederla come un’opportunità di ascoltare un po’ di musica. Un modo utile per cambiare  prospettiva è il reframe,  una potente  tecnica che trovi  qui .
4)  A: Accept. Accetta le cose che non puoi cambiare .

Alcune fonti di stress sono inevitabili. In alcuni casi, il primo passo consiste nell’accettare la situazione.

Parlane con qualcuno. A volte quando non si è in grado di cambiare una situazione frustrante,  può servire parlarne con qualcuno.
Prendi un caffè con un amico e discutine  con lui, ti potrà far stare meglio. Se pensi che il problema sia più serio può essere utile contattare un professionista.
Perdona. Essere arrabbiati risucchia un sacco di energie. Il perdono è uno dei modi più potenti per liberarsi da molte emozioni negative.
Cambia il dialogo interno. È facile perdere l’obiettività quando si è stressati. Un pensiero negativo ne porta un altro e in men che non si dica hai creato una valanga di pensieri negativi. Invece di vedere tutto sotto una cattiva luce aumenta la resilienza con il modello ABCDE, per farlo clicca  qui .
Impara dai tuoi errori. Ricordi la frase “Quel che non ti uccide ti rende più forte”? Quando devi affrontare delle situazioni che non sono andate come speravi,  guarda ad esse come a delle opportunità di crescita personale e impara dai tuoi errori.
stress

Per concludere

Nonostante lo stress sia una condizione che può avere ripercussioni  molto serie sulla vita viene purtroppo spesso sottovalutato. Prendi  quindi una decisione adesso, metti in pratica le strategie presentate in quest’articolo e dopo una settimana di lavoro non apparirai  come il gattino nella foto qui sopraSmile

Vizite on line – Visite in tempo reale

Këtë e pëlqejnë %d blogues: